[Editoriale] Google+ cambia politica: ora ci si potrà registrare con un nickname invece che con il nome reale

Cari lettori e amici di Tuttoxandroid i social network sono ormai parte della nostra vita, tra Google+, Facebook, Instagram non sappiamo più quale guardare prima, oggi soffermiamoci però su Google+ che ha ricevuto un’importante novità, positiva o negativa? Ecco il significato di questo editoriale.

Sul social network della casa di Mountain View fino ad oggi non era possibile registrarsi se non con il proprio vero nome e in caso si fosse messo un nome e/o un cognome fasulli si sarebbe andati in contro al rischio di essere bannati dal social network o, peggio ancora, subire la cancellazione del proprio account Google. Una politica che aveva reso Google+ un social network privo di “spammatori” e “account fregatura” rendendo il servizio di un certo livello e senza “grane” nascoste per gli utenti. Purtroppo però qualcosa nei piani di Google è cambiato, tanto da arrivare l’annuncio che ci ha portato a scrivere questo articolo, ovvero il fatto che a breve su Google+ ci si potrà iscrivere con nomi inventati(nickname). Il lavoro che aveva reso Google+ la piattaforma social forse più sicura di tutte da questo punto di vista viene distrutto con un post del profilo Google+ ufficiale di Google che dice:

"When we launched Google+ trhee years ago, we had a lot of restriction on what name you could use on your profile. This helped create a community made up of real people, but it also excluded a number of people who wanted to be part of it without using their real names. Over the years, as Google+ grew  and its community became estabilished, we steadily open this policy, for allowing +Page owners to use any name of their choosing to letting Youtube users bring their usernames into Google+. Today, we are taking the last step: there are no more restriction on what name you can use."

Google che era riuscita a dimostrare con i suoi metodi che creare un modo in cui si mette la faccia sul web non è scorretto anzi portava una fruizione migliore dei servizi a tutti si “smentisce” da sola col togliere questa restrizione.
Secondo Google un utente già registrato sarebbe più portato a sfruttare il proprio profilo potendo mettere un nickname diverso dal proprio nome reale, ma come mai?
Certo è che così facendo la qualità del prodotto offerto da Google si abbassa notevolmente soprattutto se pensiamo che ora si potranno aprire pagine fake o comunque pagina con secondi fini a noi ignoti.
Ecco dunque un chiaro esempio del fatto che purtroppo Google sullo sviluppo di alcune delle sue piattaforme abbia le idee ancora confuse. Questo avvenimento ci lascia stupiti. Google lo avrà fatto per aumentare il numero di utenti attivi su Google+? Per aumentare l’attività di utenza su Youtube?
Google in questo caso ha dimostrato di essere stata molto incoerente con le sue idee sviluppate in precedenza.
Non sarebbe stato meglio cercare di migliorare altre parti di Google+ come la gestione dei temi caldi, la grafica nelle community o altro?

Voi come la vedete? Preferite poter usare il vostro nickname preferito oppure, come noi, pensate che utilizzando nomi fasulli si potrebbero creare problemi non voluti sul social network?


Share on Google Plus

About Gabriele Peretti

Posta un commento