CyanogenMod 13, la recensione di TuttoxAndroid [Video]


La CyanogenMod è da sempre considerata una delle migliori custom rom per dispositivi Android. Supporta ufficialmente e anche non ufficialmente moltissimi dispositivi e su di essa si basano altre ottime rom. La CM è arrivata alla tredicesima versione, che è basata su Android 6.0 Marshmallow. Scopriamo tutti i suoi lati positivi ed anche quelli negativi. 




Prestazioni e gestione della RAM
La CyanogenMod è sempre stata famosa per la sua capacità di riportare a nuova vita smartphone datati e lenti. In effetti la sua leggerezza, grazie ad un software molto simile a quello stock di Android, permette al sistema di essere sempre fluido e reattivo. La gestione della RAM è ottima: si ha sempre abbastanza RAM per aprire nuove applicazioni e farle rimanere in memoria. Vi capiterà spesso di aprire un'applicazione la mattina e ritrovarla la sera già pronta all'utilizzo, senza alcun ricaricamento. 

Personalizzazione 
La personalizzazione è un aspetto cruciale della CyanogenMod 13, grazie al Theme Engine e ad altre opzioni che ritroviamo nelle impostazioni. La possibilità di cambiare completamente la grafica al nostro smartphone grazie ai temi è davvero molto valida, infatti sul Play Store si possono trovare molti temi ben fatti, che vanno addirittura a cambiare l'animazione di avvio dello smartphone. Altre opzioni di personalizzazione sono le classiche che riguardano la tendina di notifiche, la barra di stato, i pulsanti e la schermata di blocco




Multimedia
La parte multimediale non è mai stata ai livelli delle più famose interfacce Android. Purtroppo foto e video non sono ai massimi livelli, in particolare su Xiaomi Mi4 abbiamo riscontrato un audio basso nella registrazione dei video. Molto migliorata rispetto al passato è, invece, l'applicazione per la fotocamera, davvero ben fatta, chiara e semplice. Ci permette in pochi tocchi di modificare le impostazioni base (flash, ISO, risoluzione, qualità, riduzione occhi rossi, ecc.) e anche di scegliere tra alcune scene (HDR, spiaggia, azione, ecc.). Inoltre l'app camera ci permette di registrare in 4K a 30 fps e in slow motion a 120 fps con risoluzione HD, ovviamente queste opzioni di registrazioni dipendono dall'hardware dello smartphone.  Ecco alcuni sample fotografici. 




Android Marshmallow e le sue novità
Essendo basata su Android 6 non potevano mancare le novità dell'ultima versione del sistema operativo di Google. Now on tap, gestione dei permessi delle applicazioni, Doze, link alle app e, in fase beta, anche il multiwindows sono le feature che la CM 13 ci offre grazie ad Android Marshmallow. 

Aspetti negativi
Parlare di aspetti negativi su una versione beta della CyanogenMod potrebbe non avere senso, però, per dovere di cronaca, vanno sottolineati. I problemi riscontrati in questa CM13 riguardano audio e riavvii sporadici. L'audio, in particolare in vivavoce, è piuttosto basso, tanto da non permetterci di utilizzarlo in macchina nemmeno a basse velocità. Per quanto riguarda i riavvii sporadici dello smartphone si tratta di un problema più o meno diffuso e le prime volte che si verifica potrebbe darvi preoccupazione. Bisogna considerare che queste versioni di CyanogenMod, dette nightly, sono delle beta e quindi non molto stabili, sebbene usabili giornalmente. 

Durata della batteria
Si è discusso tanto di Doze e dei miglioramenti lato batteria attesi con Android 6. Di fatto, però, non c'è un reale risparmio energetico se utilizziamo lo smartphone in modo davvero intenso (infatti Doze dà il meglio di sé quando il cellulare è in standby). Comunque è buona la durata della batteria: con utilizzo intenso, con tanto 3G e poco Wi-Fi si raggiungono le 14 ore di utilizzo con 4 ore di schermo acceso; mentre stando a casa con maggior uso di Wi-Fi arriviamo anche a 5 ore e mezzo di display. 

Per approfondire ancora meglio la recensione potete guardare il nostro video, in cui sveliamo anche qualche chicca davvero utile e carina che la CyanogenMod ci mette a disposizione. Fateci sapere nei commenti cosa ne pensate di questa CM 13 e se avete voglia di provarla!





Share on Google Plus

About Francesco Barbaro

Posta un commento
Loading...