Spotify vende i dati degli utenti non paganti


Spotify da sempre permette ai suoi utenti di ascoltare musica in maniera gratuita, monetizzando con la pubblicità, oppure pagando l'ordinaria tariffa di 9,99€ al mese.
Purtroppo il bilancio dell'azienda da qualche anno, ad oggi, risulta essere ancora in rosso, così da oggi, Spotify metterà a disposizione di tutte le aziende che acquistano gli spazi pubblicitari, alcuni dati degli utenti che scelgono di usufruire del servizio gratuitamente ascoltando la pubblicità.
In particolare saranno venduti i dati base, come età, sesso, genere musicale in ascolto e playlist.
Dopo tutto non è niente di così diverso da ciò che fa Google o Facebook, creare pubblicità mirate in modo da incrementare in fretta i guadagni. Cosa pensate della scelta del big della musica in streaming? Abbandonerete la nota piattaforma per passare ad altro? Dite la vostra nei commenti!



Share on Google Plus

About Boris Zarco

Posta un commento
Loading...