Streaming illegale: dai siti pirati a Facebook, è la fine delle PayTv? - Tuttoxandroid

Breaking

3 novembre 2016

Streaming illegale: dai siti pirati a Facebook, è la fine delle PayTv?

Qualcosa di molto strano sta succedendo nello sport in tv nelle ultime settimane, non si tratta che il Nizza è primo in classifica in Ligue 1 oppure che il Milan ha battuto la Juventus. Parliamo degli spettatori che hanno smesso di guardarlo, per lo meno su PayTv:

Nel Regno Unito e negli USA, il pubblico televisivo per le partite di Premier League ed NFL è diminuito del 15% rispetto lo scorso anno.

Il pubblico di UEFA Champions League di questa stagione è crollato almeno del 25% di quello dell'anno precedente.

Sky e Mediaset hanno perso parecchio negli ultimi anni, forse per mancanza delle due milanesi in Champions o forse per questi siti pirata che trasmettendo tutto in chiaro e in HD gratuitamente, stanno togliendo clienti alle PayTv in tutte le parti del mondo.


Naturalmente, il numero di persone che pagano la Tv via cavo o satellitare è in calo da anni, per via della crisi che ha colpito il lavoro e per il costo eccessivo degli abbonamenti. D'altra parte, un numero enorme di persone vedono la TV illegalmente sul web, da siti come Putlocker, 123Movies, SportStreamTV, FirstRow, Rojadirecta, Live TV, Drakulastream, e Cricfree, e più dispositivi la magicbox Kodi Android.

E' possibile che lo streaming TV illegale è diventato così diffuso, e di così alta qualità, che è davvero così pericoloso per le classiche PayTv?

E' difficile fare una statistica su quanto lo streaming illegale è diventato importante, forse perchè è illegale dopo tutto. Ma è chiaramente enorme. Alcuni siti pubblicano 8 milioni di eventi Livestream al mese e 1 milione di persone al mese guardano la Premier League, la Champions League e altri campionati illegalmente su siti di streaming.

Un esempio che può chiarire quanto sia una minaccia lo streaming si nota negli Stati Uniti, coloro che hanno visto il secondo dei dibattiti presidenziali di quest'anno, il 41% lo ha fatto sui siti illegali.

Le partite in streaming non sono video sgranati che si fermano e balbettano così tanto che sono più il tempo perso a caricare che l'evento in sè, anzi, ci sono più di 12.000 canali HD con risouzione 1280 x 720 pixel o superiore su siti pirata provenienti da emittenti televisive reali.

Per fare questa ricerca, io stesso ho provato a vedere "Besiktas - Napoli" senza pagare un centesimo. La qualità era in alta definizione, nitida e chiara, e senza problemi di continuità, ovviamente la lingua non era italiana, ma con la buona ricerca ci si trova anche quella.

Ma a volte lo streaming sportivo non è di alta qualità, perchè questi siti offrono il loro video a risoluzioni più basse e ingombro di annunci (molti dei quali portano il malware) per guadagnare con la pubblicità.

Ma quando un utente si trova di fronte ad una scelta di costosi pacchetti sport e calcio ( il costo si aggira sui 50€ per le PayTv italiane), oppure con un sito gratuito in lingua araba per guardare una partita della squadra del cuore, la risposta sembra scontata. Anche perchè basta avere una smartTv e il gioco è fatto, non c'è bisogno nemmeno di PC e il video parte direttamente in tv senza avere cavi sparsi per casa.

I siti illegali giocano in continuazione al gatto e al topo con le autorità che cercano di farli chiudere. Non appena un sito è costretto a chiudere, dopo pochi minuti uno nuovo appare sotto un altro URL ma con la stessa impostazione grafica e le stesse funzionalità. Nel gennaio di quest'anno, Wiziwig è stato costretto a chiudere. Così come Rojadirecta, è stato oscurato in Italia, ma raggirare il blocco è un gioco di ragazzi per uno che se la cava un pò con il PC, infatti basta cambiare i DNS ed è cosi che magicamente Rojadirecta e altri siti torneranno ad essere visibili.

Nel 2014, in Inghilterra la Premier League ha bloccato 45.000 siti illegali, tuttavio ciò non ha ridotto il numero di siti illegali che sono on-line. E quelli che ancora esistono, come 123Movies, stanno migliorando a fornire un'esperienza di qualità.

In Italia, ultimamente è entrato in vigore (illegalmente) la possibilità di vedere addirittura su Facebook tramite la diretta, eventi live nel mondo. L'utente inquadrando la partita con la fotocamera del cellulare, trasmette in diretta l’evento su Facebook. Insomma, uno streaming migliore e più facile da utilizzare e senza costi, se non per il proprietario della pagina, il costo del biglietto.

Chi guarda in streaming una partita di calcio sui siti, rischia una sanzione di €2.500 se vede un canale di Premium o Sky. Però per quanto riguarda Facebook, essendo è un social network, non un servizio di streaming illegale, gli utenti non dovrebbero incorrere in nessune sanzioni. Mentre il proprietario rischia grosso.

Che dire risparmiare sui pacchetti delle PayTv per guardare un evento sportivo attira tutti ultimamente ed è diffuso, ma vale davvero la pena rischiare qualcosa di grosso per così poco?


Posta un commento