Parte l'era di Galileo, il nuovo sistema di navigazione satellitare europeo - Tuttoxandroid

Breaking

16 dicembre 2016

Parte l'era di Galileo, il nuovo sistema di navigazione satellitare europeo







Dopo 17 anni di lavoro e un investimento da 10 miliardi di euro, da oggi Galileo è finalmente in funzione. Un evento che passerà alla storia perché stiamo parlando del primo sistema di navigazione satellitare europeo, alternativo allo statunitense GPS e al russo GLONASS. Quello che resta da capire è: come funzioneranno i nuovi ricevitori e che fine faranno i vecchi.




Stando alle indiscrezioni, la produzione attuale di ricevitori sarà compatibile sia con il segnale Galileo sia con quello GPS, quindi non ci sarà bisogno di scegliere quale dei due si vuole usare. Per quanto riguarda gli altri sistemi di navigazione come il Glonass russo e il BeiDou cinese, esistono ricevitori detti multicostellazione capaci di ricevere tutti i segnali, per cui l'utente non deve decidere che ricevitore comprare. Con l'accordo fra GPS e Galileo, i ricevitori commerciali e quelli in corso di sviluppo supporteranno entrambi. Quelli vecchi con il solo GPS non riceveranno Galileo.



Andando oltre, per sapere se il nostro smartphone/tablet possa supportare Galileo bisogna prima di tutto sapere qual sia il SoC installato, ossia il chip in cui sono integrati processore, grafica e sistemi di comunicazione. Qualcomm avrebbe confermato che i chip compatibili sono gli Snapdragon 427, 435, 617, 625, 626, 650, 652, 653, 820, 821 e 835, oltre agli Snapdragon Wear 1100 e 820 Automotive. Qualcomm supporterà Galileo anche con tutti i chipset futuri. Quanto al layer software, Galileo è presente nei software consegnati dal 2016 in poi. In generale i dispositivi "nati" con Android Marshmallow e Nougat dovrebbero supportare il nuovo segnale anche grazie ad alcuni aggiornamenti software specifici.







Il progetto Galileo nasce, quindi, per:
  • avere innanzitutto un proprio sistema satellitare e non essere dipendente da Russia e Cina 
  • creare nuove app più efficienti
  • fornire più opportunità commerciali a medie e piccole imprese 
Nell'attesa dei primi riscontri che tale innovazione porterà, potete leggere altre info sul sistema satellitare Galileo cliccando QUI  e scaricare il documento redatto dalla commissione europeo cliccando QUI



Posta un commento