Privacy e sicurezza su Android: come aumentare la privacy?

Il tema della sicurezza dovuto all’utilizzo dei dispositivi mobili (smartphone, tablet, ecc.) è sempre all’ordine del giorno. Tuttavia, spesso si sottovaluta il pericolo di furto e/o perdita di dati sensibili, sempre in agguato. Utilizzando quotidianamente il nostro “telefono intelligente”, dobbiamo quasi necessariamente sottostare a delle regole basilari in tema di sicurezza. Ormai racchiudiamo qualsiasi informazione personale all’interno della memoria del nostro smartphone, ragion per cui, un minimo di attenzione a cosa condividiamo, sarebbe d’obbligo.







I sistemi di sicurezza digitali a nostra disposizione sono molteplici, alcuni blandi, altri più sicuri. Siamo abituati a impostare principalmente delle password semplici e banali (data di nascita, nome di un familiare, targa auto, ecc.), invece di cimentarci ad elaborare mentalmente qualcosa di più complesso. Pigrizia mentale? Forse sì. Nell’elenco dei metodi di sicurezza di accesso ai nostri dispositivi, figurano principalmente, oltre alla password, la sequenza grafica, il pin, lo sblocco mediante sorriso, il knock code e, in ultimo ma solo in ordine di tempo, la lettura dell’impronta digitale. E’ consigliato sempre prendere appunti, circa la password, la sequenza e quant’altro scelto per bloccare da sguardi indiscreti il nostro telefono; non sia mai si venga colpiti da un vuoto di memoria…




L’ultimo metodo, quello del sensore di impronte digitali, è sicuramente il più sicuro ma, purtroppo, non tutti i dispositivi ne sono provvisti. Vediamo comunque di cosa si tratta, poiché essendo un pochettino più complesso da attivare, necessiterebbe di una maggiore attenzione da parte nostra.

La sicurezza del proprio smartphone tramite il riconoscimento della propria impronta digitale, è strettamente personale, poiché nessuno individuo al mondo possiede un’impronta uguale a quella di un altro. A questo sistema di riconoscimento, è abbinato l’utilizzo (obbligatorio) di una password o pin o sequenza, qualora il sistema principale non dovesse funzionare. E’ sempre altamente consigliato, memorizzare altrove quest’ultimo codice o sequenza segreta. E’ bene ribadire ancora che, non tutti gli apparati in commercio dispongono di tale novità, quindi, in caso di assenza del sensore, consigliamo sempre e comunque di utilizzare un qualsiasi metodo di restrizione d’accesso ai nostri dati sensibili e personali. Per esperienza diretta, analogamente al discorso della privacy, vale anche quello della sincronizzazione e/o backup preventivo dei propri dati sensibili. In questi casi, è sempre meglio essere previdenti per evitare la perdita accidentale di documenti personali preziosi.
A beneficio degli utenti meno esperti, corrediamo questo articolo con un video fatto direttamente sullo smartphone. Un esempio pratico e visivo vale più di mille parole e termini tecnici messi insieme.




In ultima analisi, di seguito trovate elencati analiticamente i PRO ed i CONTRO del sistema di riconoscimento delle proprie impronte digitali.





  
      PRO


- Sistema di riconoscimento molto sicuro.


- Prettamente personale, non replicabile.


- Attualmente, il più alto grado di sicurezza.


- Veloce e pratico anche per l’autenticazione su alcune App.






CONTRO


- Disponibile solo su pochi terminali.


- Livello di complessità elevato per l’attivazione.


- Utenti abbastanza restii a fornire alcuni dati sensibili.


- Necessario l’utilizzo di doppio sistema di sicurezza.






Share on Google Plus

About Mauro COLLI

Posta un commento
Loading...