Vedi troppi siti porno? Google lo sa e cerca di fartelo capire in questo modo... - Tuttoxandroid

Breaking

31 marzo 2017

Vedi troppi siti porno? Google lo sa e cerca di fartelo capire in questo modo...

Google ha un modo originale per informare i propri utenti di essere al corrente delle loro attività sul suo motore di ricerca. Dopo aver aperto almeno 100 pagine con la modalità di navigazione in incognito, usata da molti per accedere a siti porno senza lasciare traccia, ecco spuntare una faccina sorridente o ammiccante, uno smile che sembra proprio dire: "So quello che fai".




La modalità di navigazione in incognito impedisce a Google Chrome di registrare i contenuti visitati e i download: viene aperta una nuova finestra da cui si può navigare privatamente, spostandosi anche tra la finestra di navigazione in incognito ed eventuali normali finestre di Chrome aperte. Questa modalità evita che Chrome salvi la cronologia dei siti visitati, mentre non impedisce di vedere quali siti sono stati visitati ad altre fonti, tra cui il proprio provider Internet e altri siti web.

Progettata per proteggere i segreti degli utenti, la modalità in incognito è utilizzata dalla maggior parte degli utenti per accedere a contenuti pornografici. Si può, dunque, capire la sorpresa nel vedersi comparire lo smile sorridente nei dispositivi Android e ammiccante in quelli che usano il sistema iOS.





Non è chiaro il motivo della comparsa delle faccine. Secondo Mashable, potrebbe essere una specie di avvertimento, tradotto in due caratteri perché l'applicazione non sarebbe supportata per aggiungerne di nuovi.





In ogni caso, si tratta di uno dei trucchi segreti di Google Chrome. L'Independent ne ricorda alcuni: scrivendo, ad esempio, "google in 1998" nel browser ecco che si è catapultati di nuovo nel passato, in una versione vintage del motore di ricerca; oppure, mentre una pagina è in caricamento, spingendo la barra spaziatrice, ecco che compare un piccolo dinosauro. Google, insomma, non la smette mai di sorprendere i suoi utenti.


Posta un commento