Furto o smarrimento del proprio smartphone: cosa fare?


Diciamocelo francamente: tutti ormai usiamo il nostro smartphone come una banca dati piena zeppa di dati personali e memorie foto/video. Nella malaugurata ipotesi di furto o smarrimento dello stesso, andiamo (giustamente) nel panico. Cosa fare in questi frangenti? Prevenzione, prevenzione ed ancora prevenzione. Nel caso non ci sia stata prevenzione, cosa fare? Vi suggeriamo alcuni dei metodi da utilizzare per limitare i danni a questa sciagurata ipotesi.




Blocco SIM. La prima cosa da fare, in questi casi. Ricordate che il numero seriale (CCID, chip card interface device) della vostra scheda telefonica, oltre al numero che la identifica, è legato strettamente all’intestatario della stessa. Quindi, in casi di furto e/o smarrimento del telefono, quest’ultima va fatta bloccare immediatamente dal gestore telefonico. Sicuramente, il “nuovo proprietario”, getterà via la vostra Sim ma voi, a scopo cautelativo, rendetela inutilizzabile. Potrete in seguito richiedere il duplicato del vostro numero telefonico che avrà nr. CCID diverso.



IMEI. Conservare scrupolosamente una copia del codice identificativo Imei (presente sull’apparato e sulla confezione) corrispondente al vostro apparato. In caso di dual sim, gli Imei saranno naturalmente due. L’Imei è fondamentale per ritrovare, tramite le reti cellulari del gestore, il proprio telefono. Con questo accorgimento è possibile bloccare definitivamente, tramite segnalazione alle forze dell’ordine ed al proprio gestore, la funzione chiamante del telefono.



Localizzazione GPS. Attivando preventivamente la localizzazione Gps del telefono (al di là della limitazione della propria privacy che ne consegue), questo sarà più facile da rintracciare in caso di furto o smarrimento. La precisione, di solito, ha uno scarto di qualche decina di metri. Questa funzione è utile soprattutto se si installa una precisa App di Google, chiamata Gestione dispositivi Android. In questo caso, anche da remoto tramite browser web, si potrà intervenire a danno ormai avvenuto.




App Antivirus/Localizzatrice. A tal proposito esistono diverse App più o meno valide per questo preciso scopo. Suggeriamo, per esempio, Kaspersky Antivirus & Security, Cerberus antifurto, ed altre App altrettanto valide.
Con queste App, da installare prima che avvenga qualcosa del genere, e MAI dopo, potremo localizzare l’apparecchio, bloccarlo e cancellare ogni dato personale sensibile ivi presente. In alcuni casi, sarà anche possibile risalire all’identità del ladro o ricettatore. Ipotesi questa, che vi sconsiglio vivamente per evitarvi altri problemi. Sarà compito della legge, eventualmente, occuparsi di tutto ciò.
Infine, un ultimo accorgimento. Prendete la buona abitudine di salvare sul Cloud (spazio virtuale gratuito fornito da vari brand), la gran parte dei vostri dati personali. Sincronizzate la rubrica telefonica tramite il vostro account Gmail ed effettuate ciclicamente, dei backup di ciò che vi serve maggiormente salvare. Se riuscirete ad avere sempre tali accortezze, in caso di furto o smarrimento del vostro amato smartphone, non avrete altri danni oltre alla perdita economica avvenuta. Prevenire è sempre meglio che curare!


Share on Google Plus

About Mauro COLLI

Posta un commento
Loading...