PayPal e PayPal.Me, a cosa servono e quali sono le differenze?


PayPal

L’era dei pagamenti digitali ha portato con sé tante novità, spesso molto comode. Una di queste è costituita dalla società PayPal, che sicuramente in molti conoscono. Trasferire denaro da un conto all’altro, da una carta di credito ad un’altra; ricaricare una carta altrui come pagamento, ecc. Tutto questo ed altro è possibile effettuarlo tramite PayPal. E’ un sistema tanto semplice quanto sicuro. Infatti, in caso di problemi (frodi, truffe, disguidi vari), la società riconosce un recupero di somme, dopo opportune verifiche, fino ad un massimo di 500,00 €.




Il servizio è completamente gratuito per la maggior parte dei casi, a pagamento per quelli di natura professionale. E’ una gran bella comodità, collegare il proprio conto corrente bancario, la propria carta di credito o di debito, per pagare i nostri acquisti effettuati on-line. 
E’ anche possibile ricaricare il proprio conto PayPal, semplicemente trasferendo contanti dal proprio conto corrente, oppure, per i possessori della PayPal Card (ebbene sì, esiste anche quella), recandosi in tabaccheria o nei negozi convenzionati e fare una ricarica in denaro sulla carta/conto. 


Difficile poterne fare a meno ai tempi di internet, il sistema PayPal ha ben pochi concorrenti ed è sicuramente il più usato al mondo. Grazie soprattutto al colosso Ebay, suo creatore e proprietario. 


La cosa che lo rende indispensabile è proprio la serietà/solidità del gestore del sistema. In tutto il mondo, ogni giorno, si invia e si riceve denaro all’istante grazie a PayPal, leader mondiale, come detto prima. In caso di qualche intoppo di percorso, come per esempio, a causa di merce mai arrivata, venditore scomparso, ecc. basta aprire una controversia e segnalare il tutto tramite apposita sezione sulla pagina personale. Gli addetti, cercheranno in breve tempo ogni possibile soluzione, e in caso negativo e dopo aver riscontrato la nostra assoluta buona fede, provvederanno a rimborsarci della somma spesa e creduta persa. Praticamente, siamo in una "botte di ferro". Fino ad un massimo di 500,00 euro, è bene saperlo.



PayPal.Me

Di più recente introduzione è invece, PayPal.Me. Creando un indirizzo univoco, associato al proprio conto PayPal, è possibile farsi ricaricare anche piccole somme di denaro da chiunque sia nei nostri contatti. Il tutto, attraverso la creazione di un messaggio da poter inviare a mezzo SMS, E-mail, social network ed altro. Facciamo un esempio pratico: mettiamo che tu devi dei soldi ad un tuo amico e quest’ultimo, non risiede nella tua città. Con questo semplice sistema, puoi farlo immediatamente. 



Organizzare una colletta di beneficenza, farsi prestare dei soldi da un amico o parente, richiedere un piccolo acconto per bloccare una vendita su Ebay, Subito, ecc., è possibile tramite il semplice sistema PayPal.Me. E’ buona norma creare un link personale facile da ricordare ma univoco, in modo tale da non generare confusione o errore in caso di pagamenti da fare o ricevere. Unica pecca, le spese di commissione (per chi riceve), alquanto elevate a mio modesto parere. Personalmente, ho già sperimentato questo meccanismo, dovendo ricevere una somma di 100,00€, quale acconto per una vendita di un articolo usato; ho visto decrescere la somma effettiva ricevuta fino a raggiungere i 96,25€. Ossia, hanno trattenuto per loro, la bellezza di 3,75€, pari al 3,75%. Cosa da considerare, qualora si voglia usufruire del servizio in questione.

Infine, come ogni servizio multipiattaforma che si rispetti, anche PayPal, esiste in versione App per Android. Tutto ancora più semplice e più comodo, a portata di smartphone e di tablet. Non ci saranno più scuse per non provare la bontà di questo comodo mezzo di trasferimento di denaro.


Share on Google Plus

About Mauro COLLI

Posta un commento
Loading...