Google sembra ignorare KRACK, la falla che ha messo in ginocchio WPA2 - Tuttoxandroid

Breaking

15 novembre 2017

Google sembra ignorare KRACK, la falla che ha messo in ginocchio WPA2

Il 6 novembre è stato rilasciato ufficilmente la patch di novembre per tutti i dispositivi Android che, tra le altre cose, aveva come priorità, quella di risolvere la falla denominata KRACK nel protocollo WPA2. Ecco cosa è successo:


I più "tecnology addicted" avranno sicuramente sentito parlare di KRACK (Key Reinstallation Attacks), la nota falla nel protocollo WPA2 che ha spaventato e continua a spaventare chi utilizza una connessione wireless di tipo Wi-Fi. 


Si tratta di un Exploit che per farla breve intercetta le chiavi che modem e utilizzatore si scambiano. Così facendo è possibile accedere alla nostra rete e sniffare (leggere in maniera del tutto anonima) tutti i dati che in quel esatto momento il nostro modem sta inviando come ad esempio password, dati bancari, indirizzi email, codici ecc..

KRACK cos'è e come difenderci?

Per questo i vari produttori sono corsi ai ripari rilascaindo aggiornamenti che vanno a correggere questo problema. Peccato che tra essi non sia ancora rientrato un colosso come Google che nell'aggiornamento rilasciato il 6 novembre, non ha inserito nessun bugfix in merito e non lo farà fino alla prossima patch di dicembre. 
Per questo i dispositivi di Google (Pixel e Nexus) si trovano svantaggiati rispetto alla concorrenza, che in alcuni casi ha già provveduto ad aggiornare i propri dispositivi.

Essential, OnePlus e NVIDIA sono stati tra i primi a rilasciasciare un aggiornamento dedicato e Samsung ha comunicato che lo rilascerà a breve.

Anche le custom ROM Lineage OS, OmniROM e Paranoid Android, hanno rilasciato aggiornamenti per correggere questo problema.


Fortunatamente la struttura di Android presenta già di base una crittografia dedicata alle connessioni wireless quindi la sicurezza non dovrebbe essere compromessa, ma ciò non toglie che sia necessario un aggiornamento per arginare ancora di più il problema.

Fateci sapere cosa ne pensate nei commenti, condividete e continuate a seguirci su TuttoxAndroid!


Posta un commento