Slow Motion Instagram: come rallentare i tuoi video e le tue storie - Tuttoxandroid

Breaking

27 luglio 2019

Slow Motion Instagram: come rallentare i tuoi video e le tue storie

Avete visto una storia Instagram con un video a rallentatore (in slow motion) e volete emulare questo effetto anche per le vostre storie? Seguite questa guida per imparare come si fa.



Uno dei social network più usati al mondo è Instagram, l’app attraverso la quale si possono condividere foto e video. Al suo debutto, l’applicazione è spopolata tra i giovani. Dai politici agli influencer del web ha proprio stregato proprio tutti. Una delle novità che ha introdotto proprio Instagram, “copiata” poi anche da altri social network come Facebook, è la possibilità di inserire nel proprio profilo delle storie o instagram stories, che possono essere foto o video, che hanno la durata di 24 ore.

Uno degli effetti che ha conquistato i ragazzi è lo Slow Motion, ovvero postare dei video a rallentatore. Questa tecnica, purtroppo, è realizzabile nativamente soltanto in alcuni smartphone, come gli iphone. Ma se anche tu vuoi realizzare dei video con l’effetto slow motion ma possiedi uno smartphone Samsung Galaxy S8, S9. S10, Galaxy Note, Huawei, Xiaomi Redmi Note 7, Redmi Note 5, Mi9T, LG o, in generale, un dispositivo Android non preoccuparti, perché a tutto c'è un rimedio. 
Già da diverso tempo Instagram sta lavorando per portare all'applicazione questa funzione, grazie alla quale avremo la possibilità di registrare e condividere storie al rallentatore, grazie a una nuova modalità integrata.
Come visto dal Tweet che risale a un anno fa, la modalità Slow Motion nel caso in cui verrà inserita verrà inclusa direttamente nel menu Storie, come una nuova opzione di registrazione insieme a Rewind, Boomerang e le altre modalità che Instagram mette a disposizione. Utilizzando questo sistema, supponiamo che il video verrà registrato a 120 fotogrammi al secondo, una frequenza supportata dalla maggior parte delle fotocamere presenti sugli smartphone attuali.

Qui di seguito ti segnalerò alcune app, disponibili su Google Play Store, che fanno al caso tuo. Ma prima di scoprire le applicazioni da installare sul tuo Smartphone Android è utile approfondire il tema dello Slow Motion.


  Cos'è un video in Slow Motion?
 I video al rallentatore creano senza dubbio un atmosfera delicata e per certi versi drammatica. Aiutano a creare suspense e questo aspetto abbellisce l'estetica di una scena video. 

Per questo motivo, in cinematografia si fa un notevole uso di questa tecnica, perché rende tutto così attraente e magico. Non solo al cinema, ma anche durante gli eventi sportivi o nei documentari naturalistici. 
È facile rimanere ammirati di fronte allo sbattimento d'ali di un colibrì al rallentatore, oppure vedere come una palloncino pieno d'acqua scoppi armoniosamente. Dettagli che sarebbero impossibili cogliere a una velocità normale.
Ricordiamo che l'immagine in movimento (comunemente chiamato video) è principalmente un'illusione ottica. E' la nostra mente a ricreare la percezione del movimento. La retina cattura immagini fisse che si fondono tra loro permettendoci di percepire il movimento.
Questo fenomeno ottimo è noto come persistenza retinica, grazie a cui la retina mantiene per qualche tempo la "stampa" di un immagine e la combina con delle altre.

Fratelli Lumière
Ai tempi dei fratelli Lumière (siamo nel 1895) le immagini proposte in sequenza non offrivano un movimento fluido. Per poter infatti proiettare in modo tale che il movimento corrisponda alla velocità reale è necessario avere almeno 10 fotografie al secondo (oggi diremo 10 fps), ma come vedremo non è sufficiente. Con l'avvento del cinema sonoro, si sentì la necessità di sincronizzare il suono con le immagini, e ciò può essere raggiunto con uno standard minimo di 24 fotogrammi al secondo. Questo standard è ancora in vigore oggi e il movimento riprodotto dalla sequenze delle immagini imitano la realtà. 
Vediamo dunque come funziona lo Slow Motion:
Avendo chiara l'esigenza di avere almeno 24 immagini al secondo per avere un flusso di immagini che l'occhio percepisce come ininterrotte, possiamo spiegarci in cosa consiste questa funzione. 
Il segreto è proiettare più lentamente di quanto siano state registrate le immagini, tenendo sempre conto che il risultato finale deve contenere almeno 24 immagini al secondo, altrimenti l'occhio non riesce a elaborare la sequenza in modo corretto. La fotocamera deve dunque essere prestante ed elaborare più di 24 immagini al secondo. 
Prima dell'avvento del digitale, la televisione stabiliva uno standard di 30 fotogrammi al secondo (che è il sistema PAL europeo). Per i videogiochi sono previsti tra i 48 e i 60 fps (frame per secondo). 
Fino a qualche decennio fa, gli slow motion potevano essere ottenuti solo in fase di post produzione. 
Oggi per poter rallentare (riducendo della metà la velocità) è necessario registrare 60 fotogrammi al secondo. Per avere un effetto più suggestivo è necessario avere fotocamere che registrino a 120 fotogrammi al secondo (1/4 della velocità effettiva). Non tutti gli smartphone sono in grado di registrare fino a 120 immagini al secondo, potete consultare la scheda tecnica relativa alla fotocamera per capire se il vostro Smartphone è perfettamente idoneo a registrare filmati in slow motion. Le applicazioni che vi consiglieremo hanno l'obiettivo di rallentare la scena, ma è chiaro che se la scena contiene pochi fotogrammi al secondo per via della qualità e capacità della fotocamera, il risultato può essere deludente e l'elaborato sarà piuttosto scattoso.


1° App: VivaVideo: l’Editing Video

La prima app che ti propongo è VivaVideo, uno dei migliori editor video, che si distingue per la sua facilità nell’utilizzo. All’interno del Google Play Store, potrai trovare due versioni: una a pagamento e un’altra gratuita. Non preoccuparti: anche con la versione gratuita potrai sfruttare l’effetto slow motion. La velocità con cui potrai realizzare i tuoi video a rallentatore è di 0,25x. Quest’app è una delle migliori anche per la qualità audio, che solitamente con le altre applicazioni peggiora, ma con questa, invece, mantiene una buona sonorità.

2° App: PowerDirector-Editor Video
La seconda app che ti consiglio è PowerDirector. Scaricandola dal tuo Play Store e aprendola, troverai un video tutorial che ti aiuterà a capire come imparare ad usare l’effetto slow motion. Quest’app permette di scegliere diversi effetti visivi che ti permetteranno di rendere unici i tuoi video rallentatori.

3° App: Videoshop

La terza app che ti segnalo è Videoshop, che ha funzionalità simili all’app che ti ho segnalato precedentemente. Potrai infatti modificare i tuoi video con effetti slow motion e fast motion, ovvero rallentando o aumentandone la velocità. Quest’app offre anche degli strumenti basici per creare i tuoi video in maniera molto semplice. Te la consiglio infatti se cerchi un’app veloce e semplice da utilizzare.


4° App: Slow Motion Video FX

Se vuoi rallentare una parte specifica soltanto di un tuo video (ti ricordo che su Instagram i video postati sul tuo profilo sia quelli pubblicati sulle storie hanno una durata limitata, rispettivamente 60 e 15 secondi), Slow Motion Video FX è l’applicazione che fa al caso tuo. Quest’app, infatti, ti permetterà di regolare la velocità di un parte soltanto di un video. Inoltre, con SlowMotion Video FX potrai non solo rallentare ma anche aumentare la velocità dei tuoi video.




5° App: Quik- Video Editor GoPro 

La quinta e ultima app che ti propongo è Quick, una delle applicazioni più complete che ci siano. Infatti, come suggerisce già il nome completo dell’app (Quik- Video Editor GoPro per le foto con musica) oltre a realizzare i tuoi video slow motion, potrai anche personalizzarli aggiungendo emojii, testi, canzoni e molto altro. Questo ti permetterà di rendere ancora di più unici i tuoi video, che è importantissimo se vuoi ottenere maggiori visualizzazioni su Instagram.




Nessun commento: