Addio alle SIM card fisiche: presto le sim virtuali (e-sim), ecco i grandi vantaggi che avremo... - Tuttoxandroid

Breaking

12 marzo 2016

Addio alle SIM card fisiche: presto le sim virtuali (e-sim), ecco i grandi vantaggi che avremo...

Nella corsa alla miniaturizzazione, le aziende che producono devices, hanno bisogno di recuperare ogni singolo millimetro quadrato di spazio. Seppur le SIM siano sempre più minuscole (in Italia attualmente ci sono 5 formati diversi: simmini simmicro sim, nano sim), risultano essere sempre un ingombro di troppo per i nuovi Smartphone e non solo. Sim è l'acronimo di Subscriber Identify Module; all'interno della Sim troviamo un codice IMSI che si interfaccia con il gestore telefonico per permettere l’autenticazione del cliente. Nel nostro Paese ogni sim è identificata tramite ICCD di 19 cifre. Le prime 6 cifre identificano il gestore di appartenenza.





Un po' di Storia:

Il primo formato della SIM è stato di 85,60×53,98 mm, caduta oramai in disuso (dopo la seconda metà degli anni 90)Il formato più diffuso è sicuramente la mini-sim di dimensione 25×15 mm, che definiamo semplicemente SIM standard. La prima comparsa risale nel lontano 1999, e veniva impiegato nei telefoni GSM.
Apple ha rivoluzionato le dimensioni delle Sim, introducendo le micro-sim di dimensione 15×12 mm, seguita a ruota anche da altri produttori. Con l' Iphone 5 abbiamo un nuovo formato, ossia la nano-sim di dimensione 12,30×8,80 mm con una spessore minore di 0,09 mm rispetto agli altri formati.


Oggi siamo a un punto di svolta, che segnerà un balzo in avanti nell'era delle Sim. Nascono le embedded sim di dimensione 6×5 mm integrata nel dispositivo e non rimovibile. Lo scorso 18 febbraio, il consorzio Gsma costituito da 800 membri tra provider e produttori di telefonia, hanno annunciato questa nuova tecnologia (chiamata e-Sim o Embedded Sim), che sarà presto assorbita dal mercato. 

I vantaggi legati alla Sim virtuale saranno molteplici. Immaginate innanzitutto che elimineremo una volta per tutte l'ingombrante fardello della card fisica, ciò è particolarmente utile per i piccoli smartwatch, per i quali ogni millimetro è vitale. Sarà possiible inoltre l'attivazione remota, senza doversi recare fisicamente in un negozio, e allontanare efficacemente la minaccia delle clonazioni. Anche il cambio operatore sarà molto più agevole e celere, ma soprattutto la possibilità di condividere un abbonamento dati su più dispositivi. L'applicazione (e diffusione) di tale tecnologia dovrà trovare la complicità dei diversi provider, i quali potrebbero avere molto da perdere e poco da guadagnare. Però su questo fronte si respira un cauto ottimismo, visto che nel consorzio Gsma hanno aderito anche Tim e Vodafone.
Samsung proporrà la tecnologia virtual Sim sul prossimo smartwatch Gear S2 ed entro giugno tale funzione verrà estesa sugli altri Smartphone. (FONTE)


Posta un commento