Differenza tra megabyte e megabit: ecco come i gestori di ADSL fregano i consumatori !

Avete mai fatto caso a quanto equivale l’unità di misura che i fornitori di ADSL mettono accanto al numero che simboleggia i “Mega”?


Quante volte durante una pubblicità abbiamo sentito dire “da oggi potrai navigare alla velocità di 100 Mega” oppure “Internet illimitato fino a 300 Mega”, ok tutto ciò può sembra normale a prima vista, e che la seconda offerta prometta una velocità di navigazione molto superiore rispetto la prima.


Adesso riformuliamo le due offerte, facendo attenzione all'unità di misura (reale) che solitamente viene nascosta nelle pubblicità o eventualmente scritta in sovrimpressione in maniera talmente piccola che risulta quasi illeggibile:

“da oggi potrai navigare alla velocità di 100 MB/s”

 “Internet illimitato fino a 300 Mb/s”

È proprio qui che nasce l’inganno, se così si può chiamare, quella semplice “B” nel primo caso e, “b” nel secondo, cambierà notevolmente la velocità reale di navigazione dell’utente!
Facciamo un piccolo e semplice ripasso:

8 bit corrispondono ad 1 byte

Adesso, andando a rivedere le due offerte sopra elencate, e, andandole ad esprimerle utilizzando la stessa unità di misura per tutte e due, otteniamo i seguenti risultati:

Riscriviamola utilizzando gli “Mb/s”, ovvero “Mega bit per secondo , otterremo la seguente:
Dato che, per quanto detto prima, 8 bit corrispondono a 1 byte, basterà moltiplicare il valore della prima offerta per 8, quindi “100 x 8 = 800”:

da oggi potrai navigare alla velocità di 800 Mb/s

 “Internet illimitato fino a 300 Mb/s

Abbiamo potuto notare come una sola lettera può cambiare le caratteristiche in termini di velocità di un’ADSL rispetto un’altra.

Avremmo potuto fare lo stesso procedimento scegliendo di esprimere la seconda offerta in funzione di “MB/s” ovvero “Megabyte per secondo”, andando ad ottenere a seguente:
Ricordando sempre che 8 bit corrispondono ad 1 byte, stavolta dovremo andare a dividere per 8, quindi “300 ÷ 8 = 37,5”:

da oggi potrai navigare alla velocità di 100 MB/s

 “Internet illimitato fino a 37,5 MB/s

Sostanzialmente, la seconda offerta che veniva presentata molto più vantaggiosa rispetto la prima, in realtà risulta essere molto, ma molto più lenta (sempre in termini di velocità di navigazione).


Adesso facciamo degli esempi pratici allo scopo di andare a vedere quali sono gli impatti prestazionali in termini di tempo di apertura di una pagina web dal nostro Smartphone, per effettuare il download in un film in 4k da Netflix o per scaricare un gioco dal PlayStation Network:

Prendiamo in considerazione le due offerte sovra elencate, e per semplicità, le esprimiamo utilizzando la stessa unità di misura, ovvero “Megabyte per secondo”:

1° caso: Supponiamo di voler accedere alla nostra pagina ufficiale, ovvero: www.tuttoxandroid.com, essa ha un peso di circa 6MB, utilizzando le due ADSL otterremo i seguenti risultati:

ADSL 100 MB/s “Megabyte per secondo”
ADSL 37,5 MB/s “Megabyte per secondo”
Tempo di apertura = 0, 06 secondi
Tempo di apertura = 0, 16 secondi

Abbiamo potuto riscontrate che la prima ADSL, seppur di poco risulti essere più prestazionale, cosa che viene maggiormente amplificata se prendiamo in considerazione un film in 4k:


2° caso: Supponiamo di voler effettuare il download di un film in 4K da Netflix in maniera tale da poterlo vedere senza interruzioni in un secondo momento, un film in 4k, sommariamente ha un peso di 50 GB “Giga byte”, andiamo a vedere i risultati:

ADSL 100 MB/s “Megabyte per secondo”
ADSL 37,5 MB/s “Megabyte per secondo”
Tempo di download = 500 secondi, circa 
8 minuti
Tempo di download = 1133 secondi, circa 19 minuti

Tralasciando gli esempi, la cosa più importante che volevamo notaste quest’oggi è che non sempre tutti i gestori di ADSL fanno vedere ciò che realmente stanno proponendo e quindi, cercano di camuffare la reale velocità di navigazione dei propri servizi semplicemente scrivendo una semplice lettera (“b”) minuscola anziché in maiuscolo in relazione alla velocità di connessione promessa.



E voi cosa ne pensate a casa? Avete mai fatto caso a questo piccolo, ma grande dettaglio?




Share on Google Plus

About Adriano Gandolfo

Posta un commento
Loading...