Uber, hacker rubano dati di milioni di utenti. Pagato il riscatto - Tuttoxandroid

Breaking

22 novembre 2017

Uber, hacker rubano dati di milioni di utenti. Pagato il riscatto

A ottobre 2016, un attacco hacker ha rubato alla nota società di trasporto automobilistico privato milioni di dati, esattamente 57 tra quelli di clienti e automobilisti. Tutto ciò è stato tenuto segreto dall'azienda, ma addirittura ha pagato ben 100 mila dollari per evitare che i dati venissero diffusi. 





In seguito Uber, attraverso un comunicato, ha confermato la notizia, ma ha anche assicurato i clienti sottolineando che tra i dati rubati non sono presenti né i codici della sicurezza sociale né quelli relativi alle carte di credito. Anche se è stato sottolineato che sono stati compromessi però i numeri di patente di circa 600 mila americani.


L'amministratore delegato di Uber, Dara Khosrowshahi, ha chiesto pubblicamente scusa, dicendo che quello che è successo non sarebbe dovuto accadere. L'impegno che ora assume l'azienda è quello di monitorare gli account interessati e garantire un'ulteriore protezione.


Questo non è passato inosservato alle autorità americane, le quali hanno multato l'azienda con una ammenda di 20mila dollari, che già aveva tenuto nascosto un'altro attacco hacker avvenuto nel 2014.


Posta un commento