Come fotografare perfettamente la luna con lo Smartphone Android? - Tuttoxandroid

Breaking

15 novembre 2016

Come fotografare perfettamente la luna con lo Smartphone Android?



Questa sera, saremo tutti con il naso all'insù per guardare la Luna, che apparirà più grande e luminosa del solito. Il nostro satellite naturale sarà in Plenilunio, non solo sarà piena, ma sarà molto vicina alla Terra, (ndr. Perigeo).



È la giusta occasione per immortalare il nostro satellite naturale, che sarà il 30% più luminoso e il 14% più grande. Andiamo a vedere come fotografare la luna attraverso lo Smartphone android o iOS. Vi sarà capitato diverse volte di fotografare la luna piena, ma scommetto che la foto finale fosse discostante dalle vostre aspettative. È necessario dunque adottare dei piccoli accorgimenti, per fotografare al meglio la luna.







Prima di prepararci a fotografare la Luna, è importante ricordarvi che la luna diventerà piena dalle 14.52. Alle 17.18 circa, il cielo sarà abbastanza scuro per poter ammirarla in tutta la sua luminosità e grandezza. 


Purtroppo alcune regioni del Sud Italia, e del Centro Italia avranno difficoltà a vedere lo spettacolo della Superluna a causa del cielo coperto dalle nuvole. Più fortunati i cittadini del Nord Italia, che potranno non solo godersi lo spettacolo, ma realizzare scatti fotografici di primo livello. 

Consigli per fotografare la luna con lo Smartphone:



1. Trova dei punti di riferimento e scegli la migliore postazione
Vi consigliamo di comparare la grandezza della Luna con qualche elemento naturale o artificiale. Un esempio può essere un edificio o lo scorcio di una collina. Solo in questo modo potete mettere in risalto la SuperLuna. Quindi è importante trovare una giusta posizione, in grado di donarvi immagini panoramiche fortemente suggestive.  

2. Individua il luogo giusto e porta con te l'attrezzatura
Potrebbe essere necessario uno studio preventivo, utilizzando Google Maps e bussole varie, proprio per pianificare il tutto e sapere dove apparirà la Luna. La cosa ideale sarebbe quella di recarsi in zone lontane dall'inquinamento atmosferico e luminoso. 

È importante inoltre dotarsi dell'attrezzatura giusta, per realizzare una buona foto, è obbligatorio l'utilizzo di un treppiedi o di un cavalletto, in questo caso si elimina il rischio tremolio, che si amplifica notevolmente quando si applica uno zoom importante. Prerogativa fondamentale è quella di utilizzare una fotocamera di alto livello, alcuni modelli Android possono vantare risoluzioni davvero esaltanti, dal lato iOS possiamo dire che gli iPhone 7 Plus, garantiscono foto di alta qualità, anche in notturna. Vi consigliamo inoltre l'utilizzo degli zoom ottici (telescopi per Smartphone), che potete acquistare su Amazon o dai cinesi sotto casa. Essi si applicano semplicemente, grazie alla clip in dotazione. Con lo zoom ottico lo smartphone sarà in grado di catturare immagini lontane senza perdere la nitidezza e i particolari rispetto a quanto riuscirebbe a fare lo zoom digitale del vostro smartphone. A seconda delle lenti ottiche utilizzate, potete ingrandire il vostro obbiettivo di 8x, 12x, 16x volte.


3. Essere creativi e utilizzate le tecniche di messa a fuoco... 
Uno scatto memorabile può essere generato semplicemente grazie alla vostra fantasia. È importante immortalare un quadro suggestivo, in cui la Luna sia l'elemento indiscusso della vostra opera. Se utilizzate la fotocamera del vostro smartphone, non dimenticate di "toccare" sullo schermo la Luna per metterla a fuoco e regolare la luminosità scorrendo il dito verso l'alto o verso il basso (scurire e schiarire l'immagine). Puntando il dito sulla luna farete in modo che le immagini secondarie, verranno leggermente sfocate, e l'attenzione sarà interamente concentrata sulla luna. 


4. Utilizza le app
È importante scegliere l'app giusta, alcuni consigliano Adobe Lightroom, che vi permette di salvare le foto in formato RAW. che racchiude in sè la massima quantità di informazioni e garantisce un'impareggiabile ricchezza di dettagli, che possiamo elaborare in fase di post-produzione. 




Posta un commento