Powerbank Spigen: Compatto con 3350 mAh (RECENSIONE)

In questi giorni ho potuto provare un powerbank davvero interessante, targato Spigen, ve ne parlo in questo articolo.


Necessitavo di un powerbank, non mi serviva chissà quanto capiente, mi serviva solo per arrivare a sera, durante una giornata stress, non volevo spendere molto, e questo dispositivo ha soddisfatto tutti i miei bisogni.
Stiamo parlando di un piccolo Powerbank targato Spigen, questa azienda ormai è diventata molto famosa per quanto riguarda l'elettronica di consumo, offrendoci molti giocattolini utili, ad un prezzo accessibile a tutti.
Questo Powerbank mi ha colpito molto per la sua estrema portabilità, infatti è poco più grande di un accendino, e poi la plastica che lo riveste non è scadente, da una buona sensazione in mano.
Nella confezione roviamo: il Powerbank, un cavetto per la ricarica del Powerbank stesso e per caricare i nostri dispitivi (troppo corto) e un libretto di istruzioni. Insomma, il minimo indispensabile, ma non serve chissà cosa per riuscire ad utilizzare questo dispositivo, infatti vi basterà collegare un'estremità del cavo al powerbank, e l'altra estremià al telefono, et voilà, il telefono inizia a caricarsi, senza che voi facciate niente.
Sul Powerbank si nota un pulsante, il quale serve a riprendere la carica del telefono, qualora volesse staccarlo e poi riattaccarlo al powerbank, in quanto non la riprenderà in maniera autonoma.
L'unica nota negativa di questo aggeggino è stata trovare i connettori che garantiscono il collegamento del cavo, non perfettamente allineati con la plastica che riveste il powerbank, mamagari questo è un difetto che ha colpito solo il mio modello, non significa che anche voi avreste questa imperfezione costruttiva.


Qui sotto trovate la mia recensione, io vi invito ad iscrivervi al canale di tuttoxandroid, e se voleste acquistare questo powerbank, troverete il link nella descrizione del video, oppure potete semplicemente cliccare sul badge che troverete qui sotto.








Share on Google Plus

About Luca Crocco

Posta un commento
Loading...